La centralità del Primario

La centralità del Primario

Crescita superiore a terziario e industria

  Giovedì, 9 Giugno, 2016 - 10:28

La centralità del settore primario è confermata dai dati: il valore aggiunto a valori concatenati cresce del 3,8%, sostanzialmente il triplo dell'industria (ferma all'1,3%) e del terziario (inchiodato ad un +0,4%).

Un andamento che contribuisce alla crescita del prodotto interno lordo ai prezzi di mercato del+0.8% nel 2015.

"Il modello produttivo dell’agricoltura italiana – spiega Coldiretti – è campione anche nella produzione di valore aggiunto per ettaro che è più del doppio della media UE-27, il triplo del Regno Unito, il doppio di Spagna e Germania, e il 70% in più dei cugini francesi. Un primato messo a rischio nel 2016 dal calo dei prezzi riconosciuti agli agricoltori che per molte produzioni non riesce neanche a coprire i costi a causa delle distorsioni nella filiera che sottopagano il lavoro agricolo".

Sviluppo

Articoli correlati