Olio tunisino: compromesso in vista

Olio tunisino: compromesso in vista

De Castro interviene su una questione che accende gli animi

  Martedì, 1 Marzo, 2016 - 00:03

Ancora aperta la trattativa in merito alle esatte clausole della proposta di regolamento della Commissione Europea sull'importazione di olio tunisino.

Sulla questione interviene direttamente l'europarlamentare Paolo De Castro (Presidente della Commissione agricoltura nel corso della scorsa legislatura).

Una personalità e un tecnico di valore che avanza dunque la prima, sostanziale, proposta scrivendo direttamente al Ministro Gentiloni (affari esteri e cooperazione internazionale), suggerendo che il Consiglio europeo potrebbe introdurre licenze per importazioni mensili di olio in un periodo compreso tra gennaio e ottobre.

Una prassi che eviterebbe la concentrazione di prodotto importato evitando la distorsione dei prezzi, assicurando al contempo alla Tunisia il sostegno necessario ad affrontare questo difficile periodo di instabilità.

Attualmente la proposta europea sull'olio tunisino prevede l'ingresso di 35.000 tonnellate a dazio zero in più, distribuite tra 2016 e 2017, a condizione che sia assicurata la tracciabilità, che si tratti di vero olio tunisino e che le misure di aiuto non siano prorogate. Tre punti importanti, ottenuti grazie agli ultimi emendamenti approvati che implicano un rinvio al Consiglio dell'intero dossier.

Un passaggio che consente agli organi preposti di recuperare tempo e di inserire nuove modifiche al testo finale.

Articoli correlati