Il ritorno della deflazione

Il ritorno della deflazione

I dati Istat e il commento di Cia

  Mercoledì, 16 Marzo, 2016 - 10:12

L'Istat conferma il ritorno della deflazione, andamento certificato dal calo dei prezzi al consumo dello 0,3% su base annua e dello 0,2% su base mensile a causa di una flessione generalizzata dei listini di quasi tutte le tipologie di prodotto.

I generi alimentari non lavorati hanno perso un 1,2%, guidati dal crollo dei prezzi dei vegetali freschi (-10,9%).
Se i dati diffusi dall'Istituto Nazionale di Statistica sono negativi la situazione peggiore si registra nelle campagne dove crollano ancora i prezzi corrisposti agli agricoltori. Solo a gennaio Ismea ha registrato un -7,9% tendenziale.

“Se si guarda alle ultime settimane – ricorda Cia – la situazione peggiora drammaticamente. Rispetto a un anno fa le arance hanno ceduto il 39% del loro valore, i kiwi il 20%, i pomodori il 31% e le zucchine sono pagate ai produttori il 57% in meno; senza dimenticare il crollo vertiginoso del prezzo del latte alla stalla, mai così basso negli ultimi anni.”

Articoli correlati