Sviluppo insostenibile

Sviluppo insostenibile

Cementificazione e bombe d'acqua

  Giovedì, 24 Novembre, 2016 - 10:58

Cambiamenti climatici, precipitazioni sempre più intense e frequenti, trombe d’aria, grandinate e bombe d’acqua, è questo il quadro di condizioni meteorologiche estreme che "si abbattono – spiega la Coldiretti - su un terreno reso piu’ fragile dalla cementificazione e dell’abbandono delle aree marginali".

Una condizione aggravata della mancanza di programmazione adeguata, incapace di valorizzare il ruolo di chi vive e lavora la terra.

"A questa situazione - denuncia la Coldiretti - non è certamente estraneo il fatto che un modello di sviluppo sbagliato ha tagliato in Italia del 15% le campagne e fatto perdere negli ultimi venti anni 2,15 milioni di ettari di terra coltivata, determinanti nel mitigare il rischio idrogeologico. Ogni giorno - conclude la Coldiretti - viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) che vengono abbandonati o occupati dal cemento che non riesce ad assorbire la violenta caduta dell’acqua.

Articoli correlati